Le pizzelle

Mmm, le pizzelle abruzzesi! O ferratelle, o neole… Però assomigliano anche alle gaufre belghe e ai waffle degli Stati Uniti. Questo dolce, comunque lo si chiami, sembra fatto apposta per piacere ai bambini, dal primo momento in cui ci si mette a farlo.

Innanzitutto, dovete procurarvi il ferro (“lu ferre”), che un tempo veniva portato in dote dalla sposa (e nelle famiglie nobili aveva inciso lo stemma del casato), ma che oggi non è facile trovare di buona qualità, come mi racconta la mia amica abruzzese Rosaria; ce ne sono di tante forme e dimensioni, magari li trovate in qualche negozio di casalinghi che ha ancora vecchie cose.

Potete quindi dare il via alla preparazione. Ecco gli ingredienti:

  • 4 uova intere
  • 8 cucchiai di olio evo
  • 8 cucchiai di zucchero
  • 1 limone bio
  • un pizzico di vaniglia
  • marmellata o crema di nocciole per accompagnare.

image7

  1. In una terrina sbattete le uova intere con lo zucchero. Usate una frusta a mano perché la frusta elettrica gonfierebbe troppo l’impasto che, una volta cotto, risulterebbe meno morbido.
  2. Versate l’olio e mescolate.
  3. Grattugiate la buccia del limone.
  4. Aggiungete un cucchiaio alla volta di farina mentre continuate a mescolare l’impasto, finché non raggiunge una consistenza cremosa piuttosto densa.
  5. Questo sarebbe il momento di aggiungere un mezzo bicchierino di liquore, ma per i bambini sostituitelo con una punta di vaniglia.
  6. Dopo averlo unto all’interno, fate scaldare ben bene sul fornello il ferro: il momento ideale per iniziare la cottura dell’impasto è quando dall’interno del ferro fuoriesce un pochino di fumo.
  7. Prendete una quantità pari a mezzo mestolo e versatela al centro della piastra; schiacciate con i manici le due piastre per 2 o 3 secondi e girate quindi subito il ferro appoggiandolo sul fuoco dalla parte opposta. Aspettate circa 15 secondi e quindi aprite e togliete dalla piastra le pizzelle.
  8. Farcite con marmellata o crema di nocciole, mettendo una seconda cialda come coperchio.
  9. Impilate le pizzelle una sull’altra in modo che mantengano un po’ di umidità e di morbidezza.

E ora mangiatele con i vostri nipoti. Sono buone buone buone!!!